Questo non è un tumblr

Qui c'è tutto ciò che non ho messo da altre parti, più qualcosa di ciò che ho messo anche in altre parti. Tranne il resto.
[Foto e testi sono da attribuirsi a me, se non diversamente specificato. Grazie!]

Aprile 10, 2014 at 9:26pm
97.441 note
reblogged from terra-mater

Paesaggi tondi.

(Fonte: timetv.ro)

8:00pm
228.109 note
reblogged from raininginreverse

thatisludicrous:

theburntsouffle:

madygcomics:

pocopiumosso:

My middle school orchestra teacher has this hanging in her room. It’s fantastic.

https://www.youtube.com/watch?v=tds0qoxWVss

This is what it sounds like. REALLY good song.

My friend keeps practising it. Fucking amazing. I’m fairly certain the music got written by someone doodling geometric figures on a sheet of music paper and then realizing they’d actually written the song of the gods.

Non la suono perché è troppo facile.

Aprile 9, 2014 at 10:04pm
76 note
reblogged from proud-atheist
proud-atheist:

You can’t really expect children to differentiate…http://proud-atheist.tumblr.com

proud-atheist:

You can’t really expect children to differentiate…
http://proud-atheist.tumblr.com

9:07pm
227 note
reblogged from airows

(Fonte: airows)

7:08pm
619 note
reblogged from trippsonfire

La gente non è cattiva, mia cara. È idiota, il che è ben diverso. La malvagità presuppone un certo spessore morale, forza di volontà e intelligenza. L’idiota invece non si sofferma a ragionare, obbedisce all’istinto, come un animale nella stalla, convinto di agire in nome del bene e di avere sempre ragione. Si sente orgoglioso in quanto può rompere le palle, con licenza parlando, a tutti coloro che considera diversi, per il colore della pelle, perché hanno altre opinioni, perché parlano un’altra lingua, perché non sono nati nel suo paese o perché non approva il loro modo di divertirsi. Nel mondo c’è bisogno di più gente cattiva e di meno rimbambiti.

— L’ombra del vento, Carlos Ruiz Zafón (via trippsonfire)

6:01pm
82 note
reblogged from spaam

La Pontificia accademia contro la fecondazione eterologa: “Questo divieto determinava garanzie per il nascituro a tutela della chiara identità dei genitori”. Mica come Cristo che non si sa ancora chi sia il padre.

— (via spaam)

5:52pm
1.487 note
reblogged from k0smonaut

Torres del Paine, Chile

Torres del Paine, Chile

12:07pm
129 note
reblogged from corallorosso

http://3nding.tumblr.com/post/82177679646/decorsolento-corallorosso-il-professore →

catastrofe:

wolfhowls:

decorsolento:

corallorosso:

Il professore Franco Coppoli, militante dei Cobas e insegnante di Lettere presso un istituto per Geometri a Terni, rischia di essere oggetto di un serio provvedimento disciplinare da parte dell’Ufficio scolastico provinciale dell’Umbria, per aver impedito…

No, fatemi capire, quindi è meglio non intervenire? Son d’accordo col provvedimento disciplinare al prof…  Anzi, sarebbe il caso di un provvedimento penale. Con la scusa di “son ragazzi” giustifichiamo le violazioni della legge, iniziamo con le canne, poi passiamo al bullismo e poi chissà.

No, con calma:

1 - il professor Coppoli non solo ha ragione, ma è nel pieno rispetto della legalità e della Costituzione. Come viene riportato nell’articolo, il docente di una scuola pubblica è un dipendente statale che, nell’esericizio delle sue funzioni, è equiparato a un pubblico ufficiale, e le ore di lezione sono ore di servizio pubblico. Il dirigente scolastico è equiparato a un datore di lavoro, ma, durante le ore di lezione, la sua autorità si ferma sulla porta della classe, di ogni classe nella quale un docente sta facendo lezione (il dirigente può quindi, al limite, molto al limite (meglio sarebbe se ci fosse un apposito collegio docenti che vagliasse e decidesse su questa cosa), permettere l’accesso della polizia nell’istituto, ma niente altro). All’interno dell’aula l’autorità completa spetta al docente, dal momento che, secondo l’articolo 33, comma 1 della Costituzione “L’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento.” Questo vuol dire che la lezione in una scuola pubblica non può essere interrotta, sospesa o disturbata da NESSUNO che si trovi al di fuori dell’aula (a meno che il docente stesso non abbia concesso il permesso di farlo). Gli unici casi in cui questo può avvenire, in cui una lezione possa essere interrotta e gli studenti distolti da ciò che stanno facendo, sono in caso di terremoto o incendio. Giova ricordare che si tratta di una norma costituzionale pensata espressamente per evitare l’ingerenza da parte di ogni potere e colore (politico, giudiziario, poliziesco, economico e quanto altro) durante un momento della vita nel quale gli studenti stanno apprendendo e si stanno formando professionalmente e umanamente tramite lo studio, lo scambio di punti di vista, l’incontro e lo scontro con i proprie compagni e con i docenti - e non tramite indottrinamento da un pulpito o perquisizione davanti a tutti con un cane tenuto al guinzaglio che ti gira intorno. Quindi, per concludere, il professor Coppoli non solo ha ragione, ma sarebbe pienamente nel diritto e nella legalità se decidesse di denunciare i poliziotti che volevano entrare nella sua classe e il proprio dirigente scolastico.

2 - sul “che fare?” ogni singolo istituto scolastico italiano ha almeno una funzione strumentale (gestita anche da più docenti contemporanemente) che si occupa della questione droghe e sostanze stupefacenti. Cosa fa questa funzione strumentale? Organizza incontri, invita esperti (medici, psicologi, addetti del SERT provinciale, funzionari di polizia che si occupano dello spaccio (ecco, sottolineo: la polizia è la benvenuta a scuola quando si pone come uno fra i tanti attori dialoganti presenti nella società, non certo quando arriva a esercitare in maniera sbrigativa una autorità che non le spetta)), sensibilizza i docenti in modo che introducano il tema nelle proprie ore di lezione, in maniera tale da parlarne con gli studenti (in molte materie, prima o poi, l’argomento può essere toccato: oltre alle materie storico-letterarie, basti pensare al diritto,  o alla biologia). Se poi un docente viene a conoscenza diretta o scopre dei comportamenti illegali da parte di uno studente, allora ha l’obbligo di riportarli al consiglio di classe e al dirigente scolastico (sempre per la storia che un docente è un pubblico ufficiale), con i quali pensare e pianificare un intervento (che, di solito, come base, consiste nel passare prima dalla famiglia dello studente in questione, piuttosto che dalla questura della città (cosa, quest’ultima, non esclusa, ma considerata davvero l’extrema ratio)). Certo, il tutto è meno veloce di un cane al guinzaglio che ti annusa lo zaino, ma mi pare più umano, corretto e rispettoso.

3 - Sul classico “POT IS A GATEWAY DRUG” sorvolo e lascio parlare Stephen Colbert al mio posto.

fonte: sono un docente e, l’anno scorso, a Padova abbiamo dovuto affrontare questo stesso tipo di episodi

Aprile 8, 2014 at 11:43pm
1 nota
reblogged from levysoft

Comunicare sul web: gli orari migliori per scrivere un articolo o usare i social →

levysoft:

Quindici milioni di Italiani sono connessi appena dopo il risveglio, di cui otto in mobilità, diciannove durante la mattina e diciotto a pranzo. Salgono a ventitré nel pomeriggio per scendere a tredici prima di cena e diciannove durante. Sono quattordici, prima di dormire.

[…]

Ovviamente, gli orari migliori per condividere su internet dipendono dai contenuti e dal target. L’accesso a internet in Italia è abbastanza omogeneo: il 28% dei navigatori è nel Nord Ovest, il 21% nel Nord Est, il 25% al Centro e il 26% a Sud e nelle Isole. L’età media degli utenti connessi è compresa fra i 25 e i 34 anni, però ad oggi il 55% degli Italiani accede al web — un dato in crescita. Se sei alla ricerca di follower, insomma, nei giorni feriali dovresti scrivere dopo cena su argomenti che interessino i giovani adulti.

Interessante, ma non mi sembra una distribuzione “abbastanza omogenea” se il 49% viene dal Nord. Facile separare arbitrariamente due zone per avere fette simili…

11:12pm
207.397 note
reblogged from lifemadesimple

lifemadesimple:

Step by Step: A Great way of Painting your own Mural without Knowing how to Draw

Uhmm, e se si spalmasse la parete di qualche sostanza fotosensibile per poi fissarla come nello sviluppo in b/n? Qualcuno sa come fare?

11:09pm
52.352 note
reblogged from sixpenceee

sixpenceee:

Krista and Tatiana Hogan are craniopagus twins, meaning they’re connected at the head.

They share a structure that connects Krista’s thalamus to Tatiana’s. The thalamus is a double-lobed organ that plays important roles in processing sensory input and creating consciousness.

Since Krista’s and Tatiana’s thalami are connected, scientists and members of the Hogan family think the girls might view the world differently than the rest of us do.

For example, Dr. Cochrane believes the girls can see through each other’s eyes. He came to this conclusion after covering Krista’s eyes, placing electrodes on her head, and watched Krista’s brain respond after shining a light in Tatiana’s pupils.

Other times, one girl will be watching TV while the other is looking somewhere else. Suddenly, the twin not watching TV will start laughing at what’s happening onscreen.

Their “thalamic bridge” also affects their sense of taste. Krista is a ketchup fiend, but Tatiana hates the stuff. Once, Krista was eating ketchup, and Tatiana furiously tried to wipe it off her own tongue even though she wasn’t eating any ketchup herself.

Perhaps the strangest phenomenon of all is that the twins sometimes use the word “I” to describe both of themselves at once.

As of 2011, no one had run any conclusive tests on the girls and their odd condition. However, scientists who have observed their behavior and brain scans are flabbergasted and excited. While no one can say for sure at the moment, it really does seem Krista and Tatiana can share private thoughts and perceive what the other is sensing.

As someone who wants to study consciousness in the future, I can say this is one of the most extraordinary cases I have ever heard of. 

SOURCE

MORE WOW SCIENCE

10:59pm
1.708 note
reblogged from ilovecharts

ilovecharts:

How The World’s Most Brilliant People Scheduled Their Days

via Kurt White

Aprile 7, 2014 at 8:41pm
64 note
reblogged from pigolio
sabrinaonmymind:

rispostesenzadomanda sei tu :D

sabrinaonmymind:

rispostesenzadomanda sei tu :D

(Fonte: pigolio)

6:05pm
116.469 note
reblogged from deanprincesster

deanprincesster:

carryontoabetterplaceabettertime:

deanprincesster:

the catholic church gives wine to 7 year olds but gay marriage is wrong

I mean this is totally out of context but is technically true. It is believed to be the blood of god and they are only given 1 tiny sip once a week but otherwise this is totally correct.

the catholic church encourages 7 year olds to drink blood every week but gay marriage is wrong

5:50pm
49 note
reblogged from kon-igi

Anonimo ha chiesto: Solo un appunto: sono nato e cresciuto in una famiglia cattolica molto credente, ma i miei hanno sempre detto a me e a fratelli che chissenefrega, se diventassimo gay ma felici andrebbe bene cosí. Anche i cattolici hanno un cervello, ogni tanto!

madonnaliberaprofessionista:

kon-igi:

Secondo la mitologia cattolica i gay fanno piangere gesù e dio li perdona solo se la smettono di piantarselo nel culo.
Quindi, per vostra fortuna, siete selettivamente credenti ma proprio per questo redarguibili da gesù piangente.

Questa gente si professa cattolica e poi ignora che proprio il precedente Pontefice aveva paventato il rischio di una religione “fai da te”, dove ognuno secondo un libero arbitrio, che Dio ha concesso ma la Chiesa ha negato, potesse scegliere a quali dogmi credere ed a quali non credere.

Come se la religione fosse prêt-à-porter e si potesse scegliere gli abbinamenti preferiti in base alle proprie scelte personali: "sì, mi dia tre etti di infallibilità papale ma per favore mi tolga l’assunzione di Maria in corpo e spirito in cielo (a quest’ora come distanza gli farà una ricca sega al Voyager I) e la transubstanziazione che altrimenti mi resta pesante da digerire”.

Se si chiamano dogmi o verità assolute ci sarà un motivo. Altrimenti sarebbero teorie.

E si chiamerebbe scienza.

Quindi no, quelli col cervello non sono cattolici: sono gente che si professa tale senza esserlo. E sinceramente non vedo dove stia il cervello di chi vuole a tutti i costi sentirsi affiliato ad una organizzazione senza seguirne il regolamento.

"io sono vegano!"

"ma stai mangiando un cheeseburger!"

"eh ma io sono un vegano col cervello!"

Ecco, queste parole qui.